Ceramiche della Donazione Bagnacci

Ceramiche della Donazione Bagnacci Ingrandisci
  • Autore: Giovanni Maccherini, Alessandra Pepi
  • Anno: 2012
  • Formato: 17X24 cm
  • Pagine: 72 pp., ill.
  • ISBN: 978-88-7145-321-7

15,00 €

10 Articoli disponibili

Aggiungi alla lista dei desideri

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere fino a 1 Punto Fedeltà. Il totale del tuo carrello 1 point può essere convertito in un buono di 0,20 €.


La collezione di ceramiche antiche che Osvaldo Bagnacci ha voluto lasciare al Nicchio, pervenute alla Contrada grazie alla sensibilità della moglie Marisa, ha una doppia valenza. La prima consiste nel suo valore storico e artistico. La seconda, non meno importante, nel suo significato affettivo.

Infatti, solo un senese poteva affidare la sua memoria a quella speciale tribù che la Contrada rappresenta per lui. Un luogo unico di affetti e di memorie che segue, passo passo, gli eventi della vita di chi è nato e cresciuto all’ombra della Torre del Mangia.

Perciò, il dono del frutto di ricerche attente e di assidue cure, quelle ceramiche abbandonate e ritrovate, riportate alla luce dopo un lungo oblio che costituiscono la collezione realizzata da Osvaldo, è un atto di amore che lo consegna alla memoria dei nicchiaioli di oggi e di domani. Ammirandole accanto ai tanti cimeli che la Contrada conserva gelosamente nel suo museo, ogni nicchiaiolo, ogni visitatore ne evocherà l’opera di una vita che la notte del Tempo non potrà più avvolgere con lo scorrere inesorabile della sabbia dei giorni.

A Osvaldo, ai suoi familiari vada dunque, insieme alla gratitudine del Nicchio, l’affetto nostro e la dolcezza di un’amicizia che non conosce l’effimera vita delle stagioni umane.

  • Autore Giovanni Maccherini, Alessandra Pepi
  • Anno 2012
  • Formato 17X24 cm
  • Pagine 72 pp., ill.
  • ISBN 978-88-7145-321-7